Wednesday, 16 June 2021 18:52

Protocollo ARE (Attestato di Regolarità Edilizia), un servizio di verifiche fondamentali

Rate this item
(2 votes)

Di recente, le cose in ambito immobiliare sono cambiate. Tra la legge 17 luglio 2020, il certificato di stato legittimo e il Superbonus 110%, gli immobili da compravendere devono essere sempre verificati.

Oggigiorno, per vendere e acquistare casa è necessario verificare la COMPLETA e TOTALE CONFORMITÀ dell'immobile.

Non si tratta più solo del Certificato di stato legittimo, di cui abbiamo parlato in questo articolo . Ma si parla anche di regolarità in termini urbanistici e catastali.

 

Protocollo ARE: cos'è e a cosa serve

Il team di tecnici esperti di Casa Service ha messo a punto il cosiddetto Protocollo ARE, l'Attestato di Regolarità Edilizia. Si tratta di uno specifico protocollo che include l'insieme di tutte le verifiche da fare prima di procedere con la compravendita.

Riassumiamo qui di seguito tutti i passaggi che vanno fatti prima di compravendere un immobile:

1 - Accesso agli atti presso il comune (tempo di attesa stimato: circa 30 giorni a partire dall'inoltro della richiesta)

 

2 - Sopralluogo presso l'immobile da verificare

 

3 - Stesura della relazione finale

Completate tutte le verifiche, i tecnici di Casa Service rilasciano una relazione finale. In base all'esito delle verifiche ci possono rilasciare:

  • l' ARE ovvero l' Attestato di Regolarità Edilizia in quanto l'immobile non presenta alcuna difformità

OPPURE

  • una relazione dove vengono specificate le difformità e gli abusi riscontrati, le modalità per sanarle, i costi ed i tempi

 

Protocollo ARE, perché è importante farlo

Richiedere il protocollo ARE è di fondamentale importanza in quanto tutte queste verifiche mettono "al sicuro" e certificato il tuo immobile.

Nello specifico, l'ARE:

  • attesta in maniera certa che il fabbricato è privo di abusi edilizi

  • libera da eventuali future contestazioni

  • permette di usufruire di agevolazioni fiscali normalmente non riconosciute per i fabbricati su cui sono stati realizzati interventi abusivi

  • agevola l'iter approvativo delle eventuali nuove opere edilizie da realizzare

Si stima che in Italia, ben il 70% degli immobili presenta difformità che possono mettere a repentaglio, anche in un secondo momento, la validità dell'atto, rischiando addirittura la nullità.

E non è poi così difficile riscontrare delle difformità. Basti pensare che le più comuni sono una diversa posizione delle tramezze, i bagni al posto dei ripostigli, la modifica delle finestre e così via...

Per dare un'idea pratica, nella nostra attività, solo nel 2020 (considerando anche il periodo di quarantena), abbiamo sanato circa 60 immobili nella zona in cui operiamo.

Protocollo ARE: quanto tempo serve

Per le verifiche complete si deve tener conto di minimo 45 giorni. Spesso anche di più ma talvolta anche di meno.

Muoversi con anticipo è quindi fondamentale. Si sa che, solo per gli accessi agli atti servono in media 30 giorni. A peggiorare le cose non dimentichiamo poi il fatto che attualmente la situazione è oltremodo rallentata a causa dell'intasamento delle Pubbliche Amministrazioni per la “corsa al Superbonus”. Ma di questo abbiamo parlato in un articolo speciale: “Lungaggini burocratiche a causa del Superbonus 110%”.

Protocollo ARE: perché muoversi in anticipo è fondamentale

Giocare d'anticipo è quindi fondamentale. Se ad esempio hai un immobile da mettere in vendita, non vale la pena aspettare il contatto dei primi acquirenti per fare tutte le verifiche necessarie. Inizia subito a predisporre tutta la documentazione che già sai prima o poi ti servirà. Al momento opportuno sarai già pronto e non ti troverai impreparato e bloccato per colpa di lungaggini puramente formali e burocratiche.

Ne consegue che, mentre i tecnici sono al lavoro per eseguire tutte le verifiche del caso, puoi pubblicizzare l'immobile e farlo anche visionare ai potenziali acquirenti.

NB per le agenzie immobiliari: consigliamo di specificare al cliente che, laddove sono in atto le opportune verifiche tramite l'applicazione del Protocollo ARE, il mandato all'agenzia medesima deve essere prolungato di 45 giorni per meri motivi di ordine tecnico-pratico.

Con tutte queste novità, il modo di lavorare in ambito immobiliare è cambiato e sicuramente si continuerà su questa strada per almeno i prossimi 10 anni.

Approfitta di questo momento per adeguarti alle nuove linee guida.

 

Chiama Casa Service. I nostri esperti professionisti, costantemente aggiornati, sapranno applicare le soluzioni più sicure e garantite per portare a termine le verifiche del tuo immobile.

© 2020 CASA SERVICE S.A.S.
Sede legale: CREMONA (CR), Corso Matteotti, 29 - info@documentidicasa.it
Indirizzo PEC: casa.servicesas@pec.it - Numero REA CR - 196524 - Codice fiscale e n.iscr. al Registro Imprese: 01721330197
All Rights Reserved.