Monday, 01 February 2021 11:59

Case all'asta: come e quando comprare conviene

Rate this item
(1 Vote)

Comprare una casa all'asta conviene? Per chi si avvicina per la prima volta al mondo delle aste giudiziarie, la domanda è più che lecita. Certo è, che l'opportunità di acquistare un immobile a prezzo stracciato fa gola.

Tra l'altro, complice anche la crisi attuale, le occasioni sono in costante crescita .

Cerchiamo allora di fare un po 'di chiarezza in merito.

 

In questo articolo ti spiegheremo come funziona la vendita di un immobile all'asta, qual è l'iter da seguire e soprattutto passeremo in rassegna vantaggi e svantaggi. In modo da poterti chiarire le idee ed evitare di fare scelte poco vantaggiose.

Quando e perchè un immobile viene messo all'asta

Un immobile messo all'asta è semplicemente il risultato di un procedimento giudiziario. Significa che è stato sottoposto a pignoramento - cui ha fatto seguito una espropriazione forzata. In genere, ciò accade quando il proprietario non ha assolto i debiti con i propri creditori.

Per immobile si intende sia una abitazione privata (appartamento o casa singola) sia il fabbricato di una ditta.

Case all'asta: dove trovare le informazioni ea chi rivolgersi

 

Le case all'asta vengono obbligatoriamente pubblicizzate dal Tribunale di competenza attraverso vari canali: sito internet ( www.giustizia.it ) e quotidiani cartacei .

 

Tale pubblicazione deve avvenire almeno 45 giorni prima del termine per presentare le offerte.

Nell'avviso di vendita vengono riportati i dati essenziali relativi all'immobile:

  • descrizione del bene
  • dati catastali
  • perizia redatta da ctu incaricato dal Tribunale
  • documentazione fotografica
  • data e luogo dove avrà luogo l'asta giudiziaria
  • prezzo base e valore del rilancio minimo
  • la procedura da seguire per poter partecipare all'asta, ivi compreso il termine di presentazione delle offerte

 

Apparentemente può sembrare un procedimento piuttosto complesso; in realtà c'è comunque una persona di riferimento a cui potersi rivolgere, si tratta del professionista delegato alla vendita , incaricato dal Tribunale con apposita ordinanza di delega. Tale professionista, in genere un avvocato o un Notaio, può essere assunta una figura di riferimento a cui richiedere tutte le informazioni che occorrono, sia sull'immobile in questione che sull'iter burocratico da seguire.

Case all'asta: posso visitare il bene?

Certo. È un diritto dell'ipotetico acquirente e un passaggio che consiglia fortemente. La visita all'immobile è indispensabile per rendersi conto dello stato attuale del bene , in modo da preventivare eventuali spese di ristrutturazione. Talvolta, dietro ad un'ottima offerta di prezzo di vendita possono nascondersi falle strutturali ingenti ed onerose.

 

Per visionare l'immobile basta rivolgersi al professionista delegato o all'eventuale custode, semper nominato dal Tribunale.

Case all'asta: vantaggi

Prezzo

Non ci sono dubbi: acquistare un bene messo all'asta è più conveniente che acquistarlo in maniera tradizionale. Bisogna tener poi conto del fatto che il valore base stabilito dal perito può essere ribassato nel caso in cui il bene non venga aggiudicato subito al primo tentativo di vendita.

Trasparenza della documentazione

Acquistare un immobile tramite asta giudiziaria, garantisce inoltre la totale trasparenza della documentazione relativa al bene, consultabile presso il Tribunale.

Mutuo

Anche per l'acquisto di un immobile all'asta è possibile accendere un mutuo ; l'importante è che l'importo non superiore dell'80% il valore stabilito in perizia o il prezzo di aggiudicazione.

Case all'asta: svantaggi

Deposito cauzionale

Non si tratta di un vero e proprio svantaggio, ma è bene ricordare che il potenziale acquirente, per partecipare all'asta, deve depositare - unitamente alla sua domanda di partecipazione - una cauzione pari al 10% del prezzo dell'immobile , cifra che gli verrà immediatamente restituita al termine dell'asta, qualora egli non si fosse aggiudicato il bene.

Costi occulti

La definizione “costi occulti” è parecchio fuorviante. Fa infatti pensare a qualcosa di losco e volutamente poco chiaro, una sorta di imbroglio o di raggiro. Ma non è proprio così.

Iniziamo a capire, in pratica, cosa sono questi “costi occulti”.

Con questa espressione, si intendono gli eventuali ulteriori costi dell'acquirente è chiamato ad assolvere, come ad esempio:

  • arretrati condominiali : il nuovo acquirente ha l'obbligo di saldare il debito al condominio
  • trascrizioni pregiudizievoli : non vengono annullate dal Giudice al momento della vendita, e la causa dell'accertamento della proprietà ha un proprio corso, indipendente dalla vendita all'asta. L'acquirente deve pertanto sistemare queste difformità se non vuole avere amare sorprese
  • difformità e / o abusi edilizi : i beni all'asta possono infatti essere venduti difformi o abusivi. Sarà poi onere de ll'acquirente affrontare le (spesso) costose e difficili sanatorie
  • stato : se l'immobile è occupato, occorre sapere fino a quando gli occupanti hanno diritto di rimanere in casa. Questione spinosa anche dal punto di vista umano e che implica poi spesso la necessità di incardinare uno sfratto (con ulteriore aggravio di spese)

Sono tutti dati riportati chiaramente in perizia. Ecco perchè l'espressione “costi occulti” è usata in maniera impropria. Non si tratta di voci "occultate", ma bensì "occulte" se non lette con la dovuta attenzione e le competenze necessarie e precisione.

Case all'asta: conviene comprare?

In conclusione, possiamo sicuramente affermare che quello dell'asta giudiziaria è un iter burocratico non particolarmente complicato ma piuttosto lungo e laborioso , e che richiede uno studio attento e preciso della documentazione .

 

Detto ciò, perchè rinunciare a quello che può rivelarsi un vero affare?

 

Soprattutto nel caso tu fossi alla tua prima esperienza, puoi consultare esperti del settore , affinchè ti affianchino in tutte le procedure burocratiche, così come in quelle più pratiche come la visita all'immobile (potrebbero esserci falle o vizi occulti non menzionati o non subito facilmente visibili ad un occhio non esperto).

 

Chiama Casa Service. Ti accompagniamo a visionare l'immobile, analizziamo la perizia e possiamo fornire la nostra valutazione sulla base del quale potrai fare le tue considerazioni finali. Infine, nel caso tu voglia procedere con la partecipazione all'asta, siamo a tua disposizione per darti una mano anche per la gestione di tutti i passaggi burocratici da effettuare.

© 2020 CASA SERVICE S.A.S.
Sede legale: CREMONA (CR), Corso Matteotti, 29 - info@documentidicasa.it
Indirizzo PEC: casa.servicesas@pec.it - Numero REA CR - 196524 - Codice fiscale e n.iscr. al Registro Imprese: 01721330197
All Rights Reserved.